WhereApp

L'informazione certificata
e georeferenziata
di pubblica utilità.

Categorie

Le news di WhereApp sono divise in categorie

Archivio per categoria Italia

L’Italia presenta un ritardo digitale rispetto ai Paesi Europei

Il rapporto del desi, Digital Economy and Society Index del 2017, un indice sviluppato dalla Commissione Europea che misura il grado di diffusione del digitale nei paesi Europei vede l’Italia al 25° posto del ranking, facendola apparire con un profondo ritardo digitale.
Sui 28 Stati membri, l’Italia si colloca tra le ultime posizioni, registrando ancora un ritardo per l’utilizzo delle tecnologie digitali da parte delle imprese e l’erogazione di servizi pubblici online, anche se sono stati registrati alcuni progressi rispetto all’anno scorso, in particolare grazie al miglioramento dell’accesso alle reti NGA. Tuttavia, sono stati notati scarsi risultati in termini di competenze digitali che rischiano di frenare l’ulteriore sviluppo dell’economia e della società digitali.

In particolare: “Italy ranks 25th in DESI 2017. The use of digital technologies by enterprises and the delivery of online public services is close to average. Compared to last year, Italy made progress on Connectivity, in particular through improvements in NGA access. However, its low performance in digital skills risks acting as a brake on the further development of its digital economy and society”.

Perché l’Italia è in ritardo digitale?

Le variabili analizzate (come si  vede dal grafico) sono state: la connettività, il capitale umano, l’uso di internet, l’integrazione delle tecnologie digitali e l’uso del digitale per i servizi pubblici.

Punto a favore per le imprese italiane

Sappiamo che la tecnologia è ancora un limite per l’Italia, rispetto ad altri altri paesi europei, però una nota positiva emersa nel desi è l’impegno delle imprese nel digitalizzare le fatture: “l’Italia sta colmando il divario con l’UE per quanto riguarda la digitalizzazione delle imprese. Le imprese che utilizzano la fatturazione elettronica, infatti, sono il 30%, percentuale di molto superiore alla media dell’UE (18%)”. E altro buon risultato è ottenuto per i servizi pubblici digitali, in cui: “l’Italia registra buoni risultati per quanto riguarda l’erogazione online dei servizi pubblici e i dati aperti (open data), ma presenta uno dei livelli più bassi di utilizzo dei servizi di e-government in Europa”.

 

 

I fiori di Arance Chimera Bio

I 10 parchi più belli d’Italia

Si avvicina la stagione più bella e colorata dell’anno e abbiamo pensato di stilare una classifica dei parchi più affascinanti della nostra penisola. Da Nord a Sud tutti gli spazi che permettono di godere dell’aria aperta e del timido sole primaverile.
Alcuni dei parchi rientrano nella classifica dei ‘Parchi più belli d’Italia’, una guida online ai parchi e giardini italiani, patrocinata dal Ministero per i beni e le attività culturali e che ha lo scopo di valorizzare il patrimonio architettonico e paesaggistico italiano.

1. Villa della Regina, Torino

villa regina torinoUna villa seicentesca sulle colline torinesi. Costruita dalla casa Savoia alla fine dell’800, la Villa della regina è Patrimonio dell’umanità Unesco. Apprezzata per i colorati giardini all’italiana e fontane dai goliardici giochi d’acque.

 

2. Parco nazionale dello Stelvio

Al secondo posto per numero di visitatori, 4 milioni all’anno, troviamo il parco nazionale dello Stelvio,Parco nazionale dello Stelvio. presente nel cuore delle Alpi. Si estende dal Trentino Alto Adige alla Lombardia. Particolarmente conosciuto per la presenza di stambecchi e orsi bruni, oltre che di una variegata vegetazione tipica della montagna.

 

3. Villa Medici

Villa MediciSu uno dei colli di Roma, sugli apici del Pincio al di fuori del recinto sacro della Roma antica, la Villa Medici  fu costruita alla fine del 200. Il giardino si estende da nord a sud per più di 7 ettari e conserva ancora oggi in gran parte l’aspetto del XVI secolo.

 

4. Oasi Zegna, Trivero oasi zegna copia

Un’rea naturalistica in Piemonte, uno spettacolo colorito di conifere, rododendri e ortensie, è un parco naturale ad accesso libero, nelle Alpi Biellesi, dove famiglie e bambini possono praticare vari sport immersi nella natura.

 

Villa Visconti Borromeo Litta5. Villa Visconti Borromeo Litta, Lainate

Villa storica risalente al XVI secolo, situata nel comune di Lainate, in provincia di Milano, conosciuta in particolar modo per il suo splendido ninfeo.

 

6. Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano

Il parco nazionale dell’Arcipelago Toscano, istituito nel 1996, è famoso per la bellezza dei suoi territori. Esso, si estende dalla provincia di Grosseto fino a quella di Livorno. Risultati immagini per Parco nazionale dell'Arcipelago ToscanoHa una grande estensione terriera, ma sopratutto marina. Infatti, fanno parte di questo parco nazionale molte isole, tra cui l’isola d’Elba.
Raggiunge i 3 milioni di visitatori.

7. Villa Floridiana, Napoli

Villa Floridiana è un edificio di interesse storico ed artistico di Napoli, sito nel quartiere Vomero all’interno dell’omonimo parco. Dal 1927 ospita il Museo nazionale della ceramica Duca di Martina.

8. Parco di Capodimonte

Altro parco nel Comune napoletano è il Real parco di Capodimonte, ubicato nella zona di Capodimonte, davanti l’omonima reggia. Nel 2016 sono stati registrati 1.007.564 visitatori, risultando Risultati immagini per Villa San Michelel’ottavo sito museale italiano statale più visitato.

 

9. Villa San Michele

Costruita da un medico e scrittore arrivato a Capri, nel 1885, Axel Munthe ha trovato la luce che cercava e decise di stabilirsi ad Anacapri realizzando la villa sui resti di un’antica cappella dedicata a San Michele.

 

10. Parco dell’Etna

Il Parco dell’Etna, il primo ad essere istituito tra i Parchi siciliani, con i suoi 59.000 ettari ha il compito primario di proteggere un ambiente naturale unico, circonda il vulcano attivo più alto d’Europa e promuove lo sviluppo ecocompatibile delle popolazioni e delle comunità locali.

Risultati immagini per parco dell'etna