WhereApp

L'informazione certificata
e georeferenziata
di pubblica utilità.

Archivio

Nell'Archivio di WhereApp trovi tutti gli articoli passati ordinati per mese ed anno.

Archivio mensile ottobre 2017

Smart City: quali sono le città più “smart” in Italia?

FPA ha stilato la classifica delle Smart City in Italia, cioè le città più intelligenti e più vicine agli obiettivi globali di sviluppo sostenibile. Dai dati emersi da “iCity 2017” Milano si conferma la città più smart d’Italia.

Smart City

Per il quarto anno consecutivo il capoluogo lombardo stacca le alte città italiane in particolare per i fattori di crescita economica, mobilità sostenibile, ricerca/innovazione, trasformazione digitale, partecipazione dei cittadini e gestione dei beni comuni.
A soli due punti da Milano si posiziona Bologna che rispetto al 2016 guadagna quasi 50 punti. Grazie alle politiche per il turismo sostenibile e la cultura e alla crescita digitale Firenze riconquista il terzo posto. La top ten è tutta al Nord. Si susseguono infatti Venezia, Trento, Bergamo, Torino, Ravenna, Parma e Modena.

Roma avanza di quattro posizioni rispetto all’anno scorso, si posiziona al 17° posto grazie alla trasformazione digitale. Si conferma però ancora indietro rispetto alle grandi città della top ten per ciò che riguarda mobilità sostenibile, energia, occupazione e governance.

Il Sud si conferma ancora una volta in ritardo rispetto al Nord. Il primo capoluogo meridionale che compare in classifica, infatti, è al 47° posto e si tratta di Cagliari. Napoli si trova ben 35 posizioni dopo. All’ultimo posto troviamo Trapani preceduta da Vibo Valentia, Caltanissetta, Agrigento, Crotone, Catanzaro, Enna, Catania, Foggia e Benevento.

 

 

 

 

 

FAQ: Come usare WhereApp su dispositivi Huawei e Asus

Hai un telefono Huawei o Asus e non ricevi più le notifiche WhereApp? Ecco come fare!

Huawei

Sui device Huawei è presente un’impostazione di default che blocca le App in background ed impedisce così di ricevere notifiche quando il telefono è inattivo.
Modificare quest’impostazione è molto semplice ma cambia a seconda della versione del sistema operativo.

 

 

Fino alla versione Android 6

Se avete installato sul vostro dispositivo fino alla versione 6 di Android, per permettere a WhereApp di ricevere notifiche dovete andare su: Impostazioni, Avanzate, Gestione Batteria, App Protette ed attivare WhereApp.

 

 

 

 

 

Dalla versione Android 7

Se sul vostro dispositivo avete istallato dalla versione 7 di Android in poi per permettere a WhereApp di ricevere notifiche dovete andare in: Impostazioni, Batteria, Chiudi App dopo il blocco schermo, Pulizia schermata di Blocco e disattivare WhereApp.

 

 

 

 

 

Asus

Su alcuni dispositivi Asus possono essere presenti dei meccanismi che limitano il funzionamento di app di terze parti in background. Se rilevi problemi nella ricezione delle notifiche push di WhereApp devi controllare che WhereApp sia tra le applicazioni che possono funzionare anche quando il telefono è bloccato o in stand-by. Puoi farlo attraverso la funzione “Auto-Start Manager” oppure andando nelle Impostazioni alla voce Ottimizzazione della batteria e selezionare “non ottimizzare” per WhereApp.

Come abilitare WhereApp su Auto-Start Manager?

Modificare le impostazioni Auto-Star Manager è molto facile, occorre andare su Auto-Star Manager, cercare WhereApp tra le app scaricate e consentire di ricevere le notifiche anche quando in background

 

 

 

 

Per supporto o ulteriori informazioni non esitare a contattaci: info@whereapp.it

 

WhereApp alla Camera dei Deputati

WhereApp alla Camera dei Deputati

Un anno di WhereApp

Oggi, 12 Ottobre 2017, alla Camera dei Deputati (visita il sito istituzionale) si è tenuta una conferenza stampa. Infatti VJ Technology ha voluto  condividere il bilancio di un anno di WhereApp.

Presenti all’evento rappresentanti delle Istituzioni, i testimonial dei Comuni che già utilizzano WhereApp per comunicare con la cittadinanza ed i responsabili WhereApp.

In tale occasione si è poi fatto il punto dei traguardi raggiunti e degli obiettivi futuri.

 

Video

Evento 8 settembre 2016

L’8 settembre 2016 WhereApp venne presentata ufficialmente alla Camera dei Deputati, alla presenza dell’On.Michela Rostan.
Durante l’evento fu siglato l’accordo con le associazioni di Croce Rossa e Protezione Civile per l’utilizzo di WhereApp come piattaforma per le comunicazioni di pubblica utilità.
Se vuoi vedere le foto ed i video di questo evento clicca qui.

Torna alla home

Parchi, oasi e laghi da non perdere in autunno

L’autunno è considerato da sempre una delle stagioni migliori per godersi la natura, tra aria fresca, boschi, laghi e parchi che per prepararsi all’arrivo dell’inverno iniziano a cambiare colore abbandonando il verde estivo e diventando di toni più caldi, dal rosso all’arancio. Questo spettacolo naturale viene chiamato “foliage”, cioè quel fenomeno degli alberi che in autunno si trasformano in un variopinto insieme di colori. Per ammirare al meglio questo cambiamento della natura non serve andare molto lontano. Sono molti infatti i parchi o boschi italiani nei quali poter andare.

Parchi, oasi e laghi da non perdere 

In Italia i parchi, le riserve naturali, i boschi e laghi sono tantissimi ma quali sono quelli imperdibili in autunno?

Villa Badia

Villa Badia, in Piemonte merita assolutamente di essere vista per il connubio perfetto tra architettura storica e natura mozzafiato. Il complesso nel quale sorge è un parco secolare di nove ettari, realizzato nella seconda metà dell’800.

Lago di Tovel, Val di Non

Si tratta di un lago alpino situato nel Parco Naturale Adamello-Brenta. Qui il fascino del lago in autunno regala sfumature dal blu al verde che si sovrappongo ai colori naturali del Parco Naturale.

Oasi Zegna, Biella

Quest’oasi, costruita da Ermenegildo Zegna, è considerata un “giardino dai grandi record”, poiché ospita 500.000 conifere, ortensie blu e molteplici rododendri di varie specie e colori. Un’oasi di pace e serenità da non perdere assolutamente.

Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Situato tra Umbria e Marche è uno scenario montano con vette altissime. Qui oltre alle varie tipologie di alberi che ricoprono i monti gli animali hanno un ruolo fondamentale nel fascino del parco. Si possono vedere, infatti, lupi, caprioli, cervi, camosci ed anche, con un po’ di fortuna l’aquila reale.

Foresta Umbra

Non fatevi ingannare dal nome, non si trova in Umbria, ma bensì in Puglia nel promontorio nel Parco Nazionale del Gargano. Polmone verde della regione è ideale per gli amanti del trekking. Punto di forza della foresta sono i sui alberi secolari.

Foresta dei Giganti 

Rimanendo sempre al sud, la Foresta dei Giganti, in autunno è da non perdere. Situata nel Parco Nazionale della Sila, è immersa nella natura selvaggia. Qui troviamo viali alberati di un’affascinante varietà di colori.

Tra Basilica e Calabria non perderti il Parco Nazionale del Pollino!
Clicca qui per scoprire di più…